Il GP di Formula Uno di Imola ed i funerali del principe Filippo

15 Aprile 2021 Di Renato Crotti

La Formula Uno deve molto alla Gran Bretagna. Nel 1950 si svolse la prima gara valida per il campionato del mondo, per non parlare dei piloti, da Hamilton a Mansell, passando per Stewart, Hill (Graham) e Clark ed i costruttori Colin Chapman o Frank Williams. Ciò detto, si fatica a comprendere per quale motivo debbano essere spostati gli orari delle prove e delle qualificazioni del GP di Imola (17 e 18 aprile) per la concomitanza con i funerali del Principe Filippo di Edimburgo, marito della regina Elisabetta. “Poscia, più che ‘l dolor poté ‘l digiuno”. Digiuno da sterline sonanti, nella
fattispecie. Le esequie rappresentano un evento televisivo che fa audience. Fatti i conti, meglio non sovrapporre due eventi, così da avere la botte piena e la moglie ubriaca. Cinica legge del business. Show must go on cantava Freddy Mercury.
Auguriamo lunga vita ai presidenti del Consiglio e della Repubblica dei Paesi dove in futuro si svolgeranno i prossimi GP. Ammesso e non concesso che, per modifiche ai calendari, non sia previsto quale requisito fondamentale la testa coronata ed il sangue blu, Noblesse oblige.