CREMA SENZA FARMACIE APERTE LA NOTTE FINO AL 19 LUGLIO. UN FORTE DISAGIO. INCOMPRENSIBILE

13 Luglio 2021 Di Renato Crotti

Fino al 19 luglio la città di Crema, 35mila abitanti, non avrà farmacie di turno la notte. Una situazione che ha dell’incredibile, iniziata il 5 luglio scorso. Coloro che la notte avranno un’urgenza dovranno recarsi nei paesi del cremasco che saranno di volta in volta indicati. La turnazione, che prima aveva cadenza mensile, oggi cambia ogni due o tre giorni. Incomprensibile. Non era mai accaduto prima. Il sistema di turnazione è concordato annualmente per l’intera provincia di Cremona e riguarda i distretti di Cremona, Crema e Casalmaggiore. Le farmacie saranno regolarmente aperte durante il giorno. Santa Maria, (che il 19 luglio sarà la prima a riprendere il turno notturno), sta operando sette giorni su sette, dalle 8,30 alle 20.

Lo scorso fine settimana, ad esempio, le farmacie che facevano turno notturno esteso alla città di Crema erano Dovera e Cremosano. Se è vero che Cremosano dista pochi chilometri da Crema, è altrettanto vero che quando si presenta l’emergenza è necessario disporre dell’auto, passare da una farmacia per leggere quale sia l’attività di turno, per poi raggiungerla. Oppure consultare internet. Il disagio, inevitabile, c’è. Eccome. Aggravato dalla turnazione che muta con cadenza settimanale. La riprova è che anche a livello politico si sono attivate iniziative per contrastare il ripetersi di questo forte disagio per la città capo comprensorio ed i suoi cittadini, senza contare i paesi del Cremasco.