L’ORO OLIMPICO ARRIVA NEL CREMASCO GRAZIE AL MONTODINESE MARCO VILLA CT DELLA NAZIONALE DI CICLISMO E DEI SUOI RAGAZZI. LE REAZIONI DI VILLA, DON LUPPO E DEGLI AMICI

4 Agosto 2021 Di Renato Crotti

DI STEFANO MAURI

L’oro olimpico arriva nel cremasco. A Montodine. La squadra di ciclismo su pista guidata dal Commissario Tecnico montodinese Marco Villa ha sconfitto la Danimarca.

«Era un sogno, non pensavo si avverasse. Mi son mostrato fiducioso per caricare i ragazzi, ma pensavo la Danimarca fosse imbattibile. Pensavo che nella prima parte scappassero di più, invece siamo rimasti lì e abbiamo perso pochissimo nel terzo chilometro. Quando è arrivato Ganna in testa a tre giri dalla fine, con 6 decimi da recuperare, ho cominciato a crederci» ha commentato a caldo ancora con gli occhi lucidi.

Come da promessa, il parroco di Montodine, don Emilio Luppo, ha suonato le campane a festa.

Sono felice. Per Marco, il suo team di atleti, la sua famiglia, per l’esempio positivo di sport e agonismo, legato ai valori veri e formativi. Gli avevo inviato una pagina di Avvenire dove parlavano di lui, della sua umiltà, capacità ed equilibro. Siamo orgogliosi di lui e della sua presenza nella Comunità parrocchiale con sua moglie e figli. Lo aspettiamo a Montodine per far festa”.

Chapeau agli azzurri volanti, come riportato da Sky e al Ct Marco Villa, Eccellenza Cremasca da esportazione. Ganna e Villa, appena hanno un attimo libero amano tra le altre cose rilassarsi a Montodine, presso l’Osteria Del Torre di Manuel Gimari, Oste Dandy d’Italia. “Marco è un amico”, commenta il ristoratore cremasco, “siamo orgogliosi di lui. Ancora una volta ha dimostrato le sue qualità agonistiche, umane e come coach. Un esempio per tutti. Ho pronto le bottiglie per brindare con lui