C’Ѐ UN CAMPIONE CREMASCO TRA I 113 ATLETI ITALIANI ALLE PARALIMPIADI DI TOKYO. ECCO LA SUA STORIA FATTA DI DOLORI, SACRIFICI. E MEDAGLIE D’ORO

23 Agosto 2021 Di Renato Crotti

Il 24 agosto inizieranno le Paralimpiadi Tokyo 2021. Ľ Italia parteciperà con 113 atleti. Tra questi il cremasco Efrem Morelli, per la categoria nuoto.

Efrem è nato a Crema il 25 novembre 1979 e appartiene al Gruppo Sportivo Fiamme Oro ed è tesserato alla Società Canottieri Baldesio di Cremona. Ѐ il punto di riferimento della squadra Azzurra, avendo già conquistando 32 titoli italiani e stabilito 20 primati nazionali.

Nel 2000, a causa di un incidente in una gara di motocross, divenne paraplegico. Dopo un timido tentativo nel basket in carrozzina i medici lo indirizzarono verso il nuoto. Fu la Polisportiva Bresciana No Frontiere onlus a dargli la grande opportunità, nel 2005, con il debutto in una gara ufficiale. Fu l’inizio di una incredibile carriera costellata di successi.

Ai titoli italiani si aggiunsero nel 2014 e nel 2016, due medaglie di bronzo agli Europei Eindhoven e alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro. Ci prese gusto e iniziò a guardare ancora più in alto. Ai Mondiali di Città del Messico del 2017 tornò a Crema con due medaglie d’oro ed una d’argento. L’anno dopo fu il turno degli Europei di Dublino, che lascò con al collo un oro e due medaglie d’argento. Londra, 2019, Mondiali di nuovo, altro oro e argento. Le sue discipline principali sono i 50m rana, i 50m dorso e i 200 misti, nelle categorie S4, SB3 e SM4, ma partecipa anche con i compagni alla Staffetta 4X50 mista.

Lo sport è sempre stato la parte principale della mia vita e lo pratico sin da piccolo. Subito dopo l’incidente ho iniziato a frequentare le piscine e ad appassionarmi a questo sport” ricorda Efrem. Del nuoto ama libertà che si prova stando in vasca: “Ѐ uno dei pochi sport a livello paralimpico che non ha bisogno di nessuno strumento: siamo solo noi e l’acqua”.

Quando terminerà l’attività a livello agonistico, vorrebbe portare avanti alcune attività che ha intrapreso da qualche tempo, ma non solo: “Mi piacerebbe iniziare anche la carriera di dirigente sportivo”. L’apice della sua vita sportiva l’oro con record del mondo nei 50 rana ai Mondiali di Londra: “E’ stata la gara perfetta nel momento perfetto: spero possano esserci ancora tante gare come quella”.

I Giochi Paralimpici di Tokyo 2021 si terranno tra martedì 24 agosto e domenica 5 settembre: saranno in palio nel complesso 539 titoli, dei quali 272 maschili, 227 femminili e 40 misti / open. In tutto saranno presenti 4400 atleti, dei quali 2318 uomini, 1782 donne e 300 per le gare di categoria mista / open, e saranno 22 le discipline protagoniste.

Prima di ogni evento, Efrem cerca di pensare il meno possibile a quello che lo attende il giorno dopo: “Se inizio a vivere la gara già la sera prima, arrivo in vasca che ho già gareggiato mille volte”. Il brano che non può mancare nella sua playlist è “Don’t look back in anger” (Non guardare indietro con rabbia, ndr) degli Oasis: “Una canzone che mi dà tranquillità e, allo stesso tempo, mi carica”. Oggi, Efrem vive a Cella Dati, in provincia di Cremona.

Forza campione. Crema è con te. E il colore del sol levante è giallo. Come l’oro.