RUBRICA “LE DELIZIE DEL PALATO” A CURA DI STEFANO MAURI: OGGI LA CANTINA CORTE ANNA: LA SORPRENDENTE REALTÁ GARDESANA CHE UNISCE TRADIZIONE E INNOVAZIONE

RUBRICA “LE DELIZIE DEL PALATO” A CURA DI STEFANO MAURI: OGGI LA CANTINA CORTE ANNA: LA SORPRENDENTE REALTÁ GARDESANA CHE UNISCE TRADIZIONE E INNOVAZIONE

22 Settembre 2021 Di Renato Crotti

DI STEFANO MAURI

L’azienda vitivinicola “Corte Anna”, essenzialmente è una meravigliosa oasi in quel di Santa Maria di Lugana: uno scorcio poetico, fiabesco, tra le vigne, nel comune di Sirmione, a pochi passi dal lago di Garda, nel mezzo della zona più portata alla coltivazione del vitigno Turbiana o Trebbiano di Lugana o più semplicemente Lugana, che dir si voglia.

“Questa cantina è la realizzazione del mio sogno e l’ho plasmata a mia immagine e somiglianza. E l’evoluzione non è ancora finita, sono grata a mio padre che me l’ha affidata”. Ha le idee chiare, la pragmatica Anna Palvarini, gentile, umile, diretta e accogliente padrona di casa e, meravigliosa Donna del Vino (e nella fattispecie del Lugana) Italiana.

“Rispetto del territorio, sostenibilità e agricoltura attenta all’ambiente che ci circonda e ospita: questa la filosofia che ci appartiene e rappresenta. E i nostri vigneti, coltivati nell’entroterra sirmionese, in una piena sinergia tra l’agronomo Marco Tonini e i preziosi collaboratori interni, beh danno vini che si contraddistinguono per eleganza e sapidità”.

Ha gli occhi vivi, partecipi, densi (tanta roba in un mondo fluido) e accesi, quando parla del suo lavoro, la signora Palvarini, colei la quale, se mai vi dovesse capitare di visitare quella fantastica realtà che è Corte Anna, esperienza consigliatissima, vedrete, vi farà sentire a casa vostra, coccolandovi con delizie in accompagnamento ai suoi vini, meravigliosamente raccontati, da lei stessa.

Proiettata e aperta al mondo, o meglio, al futuro, ma concentrata sul presente, la cantina Corte Anna (corteanna.com), coi suoi 9,5 ettari vitati è un gioiello del Garda lombardo – bresciano, una straordinaria Finestra sul Globo Terrestre e il suo segreto vincente, mah…  si legge tra le righe dei suoi pensieri ponderati, illuminanti e rivelatori: <Ho iniziato a divertirmi coi miei vini, il Lugana è il nostro ambasciatore di riferimento, ma produciamo pure un rosso ottenuto da uve Cabernet Sauvignon. Corte Anna, ripeto, è il mio sogno e spero di trasmetterlo ai miei figli. A loro intanto ho dedicato il nostro primo spumante Metodo Classico, La Maga (Margherita e Gabriele) ottenuto da uve Turbiana in purezza, con affinamento di 30 mesi di evoluzione sui lieviti.

Ecco evoluzione è la mia parola preferita, poichè non è più tempo di rivoluzioni, ma di evolvere>.

Dato ad Anna … ciò che è di Corte Anna, i vini da quelle parti, decisamente, degustare per credere, li sanno fare.

L’Antico Vigneto (dall’omonima, datata parcella di vigneto, oggetto di studi, sinergie e cooperazioni con l’università Statale di Milano), prodotto da vendemmia tardiva, solo per fare un esempio: longevo, avvolgente, persistente, di personalità è un Lugana Superiore particolarissimo, unico, da scoprire, provare, riprovare e studiare.

Le bolle, squarcianti, straordinarie dello spumante La Maga, con la firma dell’enologo (un fuoriclasse) Marco Zizioli, a breve faranno parlare, positivamente qua e là, lasciando un segno meravigliosamente toccante. Scommettiamo? Ah … L’Antico Vigneto, coi Tortelli Cremaschi e coi cugini di Zucca mantovani, letteralmente, può spaccare. Chapeau a Corte Anna, cantina sorprendente che vale una visita: vi farà emozionare.