OGGI Ѐ LA FESTA RELIGIOSA DELL’ANGELO CUSTODE. ECCO LE CREDENZE E TRADIZIONI POPOLARI SU COME RICONOSCERE LA SUA PRESENZA, DAL PROFUMO AI NUMERI, DAL SESTO SENSO ALLE VOCI

2 Ottobre 2021 Di Renato Crotti

DI ROBERTO GUGLIELMI

Sabato 2 ottobre è il giorno dedicato agli Angeli. La memoria dei Santi Angeli fu fissata al 2 ottobre da papa Clemente X nel 1670. La loro esistenza è un dogma di fede, definito più volte in maniera solenne dalla Chiesa. In questo ruolo appaiono nella Bibbia. Nella storia della salvezza, Dio affida agli Angeli l’incarico di proteggere i patriarchi, i suoi servi e tutto il popolo.

L’Angelo Custode indica l’esistenza di un angelo per ogni persona, che lo guida, lo protegge, dalla nascita fino alla morte. Ѐ citato nel Libro di Giobbe, ma anche dallo stesso Gesù, nel Vangelo di Matteo. Specifici episodi del Vecchio e Nuovo Testamento, indicano la presenza degli Angeli.

Sin qui gli aspetti religiosi, della fede e autentici. Ci sono poi una serie di credenze, tradizioni, fantasie, che nel corso degli anni sono state collegate alla presenza degli Angeli Custodi, frutto della volontà del credente di percepire in modo concreto la loro presenza. La presenza angelica viene attribuita dalle credenze popolari e dalle leggende ad una serie di fenomeni. Li riportiamo nel pieno rispetto della figura autentica dell’Angelo Custode e della religione, perché questi detti e ipotesi folkloristiche sono entrati nel corso degli anni a far parte delle credenze ispirate alla religione. Eccoli.

Un primo segno Angelico sono le piume, ritenute un simbolo della spiritualità dell’angelo che si manifesta. Trovare delle piume in posti improbabili e che hanno attratto l’attenzione, secondo il detto popolare, confermerebbe la presenza degli Angeli che ci circondano con amorevole protezione.

Il profumo improvviso è ritenuto dalla credenza popolare un secondo Segno Angelico. Sentire improvvisamente un profumo o una fragranza intensa che proviene da qualche parte vicina, ma non c’è fonte di quella fragranza visivamente presente.

I bambini ritornano nella tradizione locale quale Segno Angelico. Gli angeli sono anime pure che sono qui per diffondere amore, pace e prosperità. I bambini sono totalmente puri e non accecati dalla visione spirituale come gli adulti. Possono vedere gli angeli che li guardano dall’alto in basso. Quando i bambini guardano il soffitto o nell’angolo della stanza e ridono e battono le mani per l’eccitazione si dice che ci siano Angeli presenti. 

Pensi ad una canzone e nell’arco di poche ore casualmente senti quello stesso motivo in un negozio o accendendo la radio è la prima canzone che ascolti. Casualità?

Trovare il denaro, specialmente sotto forma di monetine, è considerato dalla tradizione un segno della presenza degli Angeli. È uno dei segni più comuni vicino agli Angeli custodi. Ma potrebbe essere solo fortuna e distrazione altrui.

I numeri degli Angeli sono un altro dei segni ritenuti maggiormente significativi della presenza. Sono uno dei segni angelici più comuni e facili da notare. Questi numeri possono apparire in sequenze e nei luoghi più facilmente accessibili intorno a dove ci si trova. Potrebbero apparire come il numero del biglietto del treno o come la targa del veicolo di fronte o come qualsiasi altra cosa a cui si presti attenzione. Alcuni numeri sono considerati estremamente potenti come gli zeri, i multipli o i numeri doppi o tripli.

Sentire una voce è un segno angelico molto simile al segno della musica. Se sembra di aver sentito delle voci o sentito il proprio nome essere chiamato alcune volte ma non si è in grado di localizzare la fonte o da dove provenga la voce, potrebbe essere, secondo le credenze, un segno.

L’intuizione, il cosiddetto “sesto senso” è uno strumento molto acuto e intelligente su cui bisogna sempre affidarsi e fidarsi. Ci sono momenti in cui siamo tutti soli, e non c’è nessuno con noi, ma ci sentiamo come se ci fosse qualcuno nelle vicinanze. Ciò significherebbe che ci sono Angeli intorno a noi e che ci danno segni angelici raggiungendoci attraverso il nostro sesto senso. 

La vista del fenomeno naturale dell’arcobaleno, che ha certo una ben precisa spiegazione scientifica, è ritenuto un messaggio di presenza angelica. La vista dell’arcobaleno potrebbe significare che le preghiere sono state ascoltate e l’Angelo è vicino. sostenuto.

Quando si sente nell’ambiente dove ci si trova una improvvisa variazione della temperatura viene da taluni interpretato come segno di una presenza superiore.

La presenza di Angeli renderebbe l’ambiente più pesante a volte perché sono creature dell’altro mondo e totalmente diverse dagli umani.  

Gli Angeli sono un costrutto di pura luce, motivo per cui un altro segno della presenza dell’angelo sono gli acquazzoni di luce o le scintille di colori la cui fonte non può essere determinata.

Come detto, sono tradizioni o credenze prive di supporto sia teologico che scientifico. Sono frutto della fantasia o di miti e leggende. Certo è che, pure se può apparire apocrifo, forse anche queste tradizioni aiutano a non sentirsi soli nei momenti di sconforto, a sentirsi più vicini all’Altissimo. Tramite l’Angelo custode.