Dicono di me

“Ben venga la fatica dell’amico Renato Crotti che offre un giusto riconoscimento non solo a chi si è fatto strada nella società, ma a tutti i cremaschi che sicuramente sapranno riconoscersi nelle caratteristiche di questo o quel conterraneo.”

Tratto dalla prefazione di Emilio Carelli (fondatore e direttore di SkyTG24) al libro “Cremaschi…strana gente”.

“Il libro del giornalista Renato Crotti ha il merito di raccontarci storie di famiglie cremasche e cremonesi, che hanno ereditato e sviluppato attività imprenditoriali contribuendo in modo significativo allo sviluppo di questo territorio”.

Tratto dalla prefazione di Claudio Ceravolo (Sindaco di Crema) e Gianni Risari (Assessore alle Attività Produttive) al libro “Dinastie”.

“Una pubblicazione che incentrasse il suo fine in una ricerca del genere non c’era. Colma questo vuoto l’opera confezionata con cura dal bravo Renato Crotti, offrendoci uno spaccato di storia dell’imprenditorialità locale attraverso la narrazione dei suoi protagonisti”.

Tratto dalla prefazione di Giancarlo Corada (Presidente della Provincia di Crema) e Giorgio Toscani (Assessore alle Attività Produttive) al libro “Dinastie”.

“Renato ha il merito di condurre la narrazione – da giornalista avvezzo a catturare, in video e in voce, l’attenzione del distratto e fugace ascoltatore – restando sempre sul fatto, riuscendo a stagliare la figura di Eustella, donna cremasca modello esemplare di premurose e autentica solidarietà”

Tratto dalla prefazione di Angelo Marazzi, (vicedirettore del settimanale cremasco “Il Nuovo Torrazzo”), al libro “Luce di Stella”.

“Renato – Tato per gli amici – sull’onda dei ricordi ripercorre vent’anni di attività della radio diocesana Antenna 5, e lo fa da par suo, raccontando gli episodi salienti, come pure quelli della vasta aneddotica, con l’arguzia e lo stile brillante del giornalista (…). Tato, librandosi alla stregua di un colibrì, coglie l’essenza dei fatti salienti di ciascuno, incastonandoli nel contesto della vita pastorale, sociale, economica, politica di Crema e del territorio, il tutto raccontato con ritmo incalzante e stringato del conduttore radiotelevisivo, per l’appunto.”

Tratto dalla prefazione di Angelo Marazzi, (vicedirettore del settimanale cremasco “Il Nuovo Torrazzo”), al libro “Vent’anni di Onda”.